NEWS

 

marzo 2018

Ho avuto il piacere di contattare Pamela Congia che, anche a Bologna, sta sviluppando una raccolta fondi per la sua Fondazione che si occupa esclusivamente di realizzare un progetto, con un team medico altamente specializzato lo SLA DREAM TEAM, per trovare una cura contro la Sla che ha colpito il fratello di Pamela. Puoi chiamare anche Pamela al 392 2273749

Su www.sladreamteam puoi leggere la storia di questo grande progetto e possiamo dare il nostro contributo Grazie

 

 

Sara ha aperto un blog che si chiama lalettricesognatrice.blogspot.it . L’ avete già visitato?

Potete andare a trovarla, leggere le sue recensioni e commentare i contenuti trattati da Sara. Ho ancora qualche copia del suo ultimo libro anche se Sara si sta preparando a scriverne già un secondo.

 

FullSizeRender2

 

 

 

“Ciao Annalisa ti dedico questa poesia” mi scrive Sara che condivido con voi, cari amici

Chiudo gli occhi e sento il tocco gelido del cielo, sogno di riaprirli e di ritrovarmi in un piccolo paradiso, e lo sguardo ora,si perde, in un candido paesaggio, non è l immaginazione è il potere magico della neve, attutisce i rumori con il suo candido manto e mi regala… un piccolo minuscolo, straordinario sogno. Quando vedo il mio piccolo paradiso mi chiedo se la neve ama gli alberi e i campi, che li bacia cosi dolcemente

 

Una giornata di sport e solidarietà

dedicata a Sara

In rassegna stampa gli articoli pubblicati

 

SPORT E SOLIDARIETA ALLA VIRTUS Tennis

Le squadre di calcio a 7 in campo

 

La squadra Confcommercio Ascom Bologna

La squadra Confcommercio Ascom Bologna

Annalisa con i panificatori che hanno offerto i prodotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia di Sara, mi scrive Isabella la sua mamma

“Racchiudere la storia di Sara in poche righe non è semplice, ma insieme possiamo farlo. Sara è una bambina di 10 anni molto speciale perché è una fonte dalla quale attingere forza, coraggio e fede. Vi sembrerà strano, proprio lei che, avendo come unico compagno di giochi il suo lettino, si offre in modo gratuito e straordinario a noi. Sara è piena d’idee, di pensieri, d’aspettative e di sogni, quelli di una bambina che vuole, che desidera e che spera in una semplice normalità. Vuole vivere la sua età, studiare, andare a scuola, suonare e disegnare come tutti i suoi coetanei, desidera quella normalità che il mostro della sua malattia le ha tolto. Con il vostro aiuto è possibile sostenere la nostra piccola – quando diciamo sostenere per noi genitori è come sorreggere, aiutare abbracciare questa causa con le braccia di un amico, di una madre. Insieme a voi possiamo dare a Sara una speranza, quella di liberare la sua creatività, la sua intelligenza, la sua passione per lo studio.

Grazie per quello che ci offrite liberamente, senza conoscerci, grazie ancora per la fiducia che ci donate”

Isabella